Due nuovi capitoli della Guida, per approfondire un percorso concettuale fondamentale per l’europrogettazione

La Guida: com’è fatta, per chi non la conoscesse

La nostra Guida è organizzata in modo semplice. È costituita in parte da aggiornamenti e approfondimenti periodici, visibili dalla nostra homepage, da un apposito menù (posizionato nel sito in alto a destra), attraverso la nostra newsletter e i nostri canali social Facebook e LinkedIn

È costituita inoltre da una parte più propriamente “manualistica” (consultabile sul sito attraverso il menù di sinistra) che percorre tutte le tappe necessarie ad avviare o ad approfondire la conoscenza dell’attività di europrogettazione. In questa parte:

La Guida: un nuovo “pilastro” fondamentale

Questa struttura è stata appena arricchita con un “pilastro” fondamentale. L’organizzazione delle istituzioni comunitarie, i trattati fondanti dell’Unione europea e l’evoluzione delle politiche comunitarie hanno un impatto importantissimo sull’attività di europrogettazione. Finora questo aspetto è stato affrontato soltanto in termini molto generali (nei capitoli 1.1. e 1.2.), ma ci è sembrato opportuno arricchire l’analisi con una trattazione approfondita del tema, che presentiamo nei nuovi capitoli 1.3. (Europrogettazione, istituzioni e politiche europee) e 1.4. (Tipologie di fondi e programmi europei).

Ringraziamo molto, per lo stimolo a questo miglioramento e per il dibattito su queste tematiche, il direttore (Prof. Javier Schunk) e gli studenti del Master in International Cooperation dell’ISPI, che hanno utilizzato “dal vivo” gli strumenti offerti dalla Guida nell’ambito del loro corso in Europrogettazione.

È un cambiamento importante che potrà portare ulteriori miglioramenti alla struttura e all’offerta formativa della Guida all’europrogettazione.

Europrogettazione, istituzioni e politiche europee

Il primo dei nuovi capitoli (1.3.) affronta le basi istituzionali e politiche dell’attività di europrogettazione, ripercorrendone le caratteristiche e i principali passaggi concettuali:

Un fondamento importantissimo per capire l’europrogettazione, per tenersi informati e per scrivere progetti di qualità.

Tipologie di fondi e programmi europei

Il secondo dei nuovi capitoli (1.4.) dà concretezza a quanto precedentemente illustrato, fornendo una prima categorizzazione di fondi e programmi comunitari e presentando i principali elementi identificativi di ciascuna categoria di fondi e programmi:

Tabella europrogettazione

È una caratterizzazione più articolata rispetto a quella presentata nelle successive sezioni della Guida, per illustrare in modo più chiaro le specificità (in termini di politiche e di programmazione) dei Programmi per la Cooperazione Esterna e del Dispositivo per la Ripresa e la Resilienza.

Ci auguriamo che queste integrazioni siano di aiuto ai nostri lettori per inquadrare al meglio le basi dell’attività di europrogettazione – e le implicazioni di questo nelle azioni, nelle scelte, nelle strategie e nel modo di pensare i progetti europei.

Restiamo a disposizione per chiarire eventuali dubbi e accogliere i vostri feedback (e-mail | FB | LIn).

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE: