Europa globale

80,59 miliardi di euro

Strumento per la cooperazione allo sviluppo, con paesi terzi e con paesi del vicinato

Analisi | Iter | Testo | Status | Info | Bandi | Risultati | Sito | Docs | News | Eventi

DG / Agenzie responsabili:
INTPA | NEAR | FPI | EEAS

Beneficiari potenziali

Organizzazioni internazionali, ONG attive nel settore della cooperazione allo sviluppo, enti e organizzazioni pubbliche, società ed enti privati, nell’UE e nei vari paesi (paesi terzi e paesi beneficiari in tutto il mondo).

Descrizione e obiettivi

L’UE deve far fronte a crescenti sfide esterne. Fragilità politica, instabilità e conflitti, terrorismo, disuguaglianze e pressioni migratorie si sono combinati con la crisi globale del Covid-19 e con altre tendenze a lungo termine, come la crescita della popolazione, i cambiamenti climatici e il degrado ambientale. Tali circostanze influiscono sul benessere e sulla sicurezza dei paesi europei e interpellano i valori fondanti dell’UE, nonché il suo ruolo e la sua reputazione internazionale.

L’obiettivo di Europa globale è sostenere e promuovere i valori e gli interessi dell’Unione in tutto il mondo e aiutare l’UE ad affrontare il panorama internazionale, in tutti gli ambiti tematici e adattandosi alle esigenze di diversi paesi e regioni: i paesi del vicinato europeo, l’Africa subsahariana, l’Asia e il Pacifico, le Americhe e i Caraibi. Il programma contribuisce:

  • all’eliminazione della povertà;

  • al consolidamento, al sostegno e alla promozione della pace, della democrazia, dello Stato di diritto e del rispetto dei diritti umani;

  • allo sviluppo sostenibile e alla lotta ai cambiamenti climatici;

  • alla promozione del multilateralismo;

  • al raggiungimento degli obiettivi dello sviluppo sostenibile, dell’agenda 2030 delle Nazioni Unite e dell’accordo di Parigi sui cambiamenti climatici;

  • alla creazione di partenariati più forti con il vicinato europeo e in generale con i paesi terzi, basati sugli interessi, sull’impegno e sulla responsabilità reciproci;

  • a promuovere la stabilizzazione, il buon governo e la costruzione della resilienza.

Europa globale prevede, tra le sue più importanti priorità orizzontali, lo sviluppo umano e l’inclusione sociale, l’uguaglianza di genere, la salvaguardia della biodiversità, la lotta al cambiamento climatico e alle cause profonde della migrazione e dello sfollamento forzato.

Tipologia di azioni e progetti

Global Europe opera attraverso tre pilastri:

  • un pilastro geografico, che raggruppa la cooperazione in componenti regionali;

  • un pilastro tematico, che riprende specifici temi globali, ad esempio i diritti umani, la stabilità e la pace;

  • un pilastro di risposta rapida non programmabile, che affronta le crisi, la resilienza e collega azioni umanitarie e sviluppo con le esigenze e le priorità della politica estera dell’UE.

Almeno il 25 % del bilancio è assegnato specificamente ai paesi del vicinato europeo e almeno il 36 % all’Africa subsahariana. È prevista una riserva specifica per affrontare sfide e priorità emergenti. Il programma può raccogliere risorse finanziarie aggiuntive dal settore privato per sostenere operazioni di finanziamento e investimento in tutte le aree geografiche, in particolare nei paesi meno sviluppati, fragili e in conflitto.

Gli ambiti tematici di intervento possono essere i più vari: tanti quante possono essere le sfide globali dell’UE e le necessità dei paesi beneficiari. Cambiano a seconda dei paesi e delle aree geografiche, dell’evolversi delle priorità dell’UE e del paese beneficiario e sono oggetto di una pianificazione congiunta tra UE, paese beneficiario e altri attori della cooperazione internazionale. Possono riguardare diritti umani e democrazia, società civile, stabilità e pace, salute, istruzione e formazione, donne e bambini, lavoro e protezione sociale, cultura e media, migrazione, ambiente e cambiamento climatico, agricoltura e sicurezza alimentare, sviluppo economico e politiche commerciali, energia, acqua, infrastrutture, rafforzamento istituzionale, resilienza e assistenza umanitaria, e altro ancora.

Principali novità

Il programma raggruppa una serie di strumenti che del precedente periodo di programmazione, sia inclusi nel bilancio (Strumento di cooperazione allo sviluppo e Strumento di vicinato), sia esterni ad esso (Fondo europeo di sviluppo). L’unificazione di questi strumenti in un solo programma dovrebbe garantire una maggior coerenza, efficacia, flessibilità e semplicità nella pianificazione e nell’esecuzione degli interventi.