Luglio, col bene che ti voglio…” recitava una famosa canzone. La tradizione popolare celebra l’estate, ormai arrivata con le sue calde giornate, come un momento propizio ad intrecciare nuove relazioni. 

E per i nostri progetti? La ricerca di partner, o anche semplicemente di fonti di ispirazione e buone pratiche, è una delle dimensioni tipiche dell’attività di un europrogettista.

Non abbiamo ancora dedicato ampio spazio a questa tematica: approfittiamo dell’arrivo dell’estate per proporvi qualche semplice suggerimento!

D: Dove posso trovare possibili partner per i miei progetti o esempi di buone pratiche cui ispirarmi?

R: Una prima e semplice risposta è: praticamente ovunque! Qualunque sia il vostro settore, tenetevi in contatto con le principali reti, associazioni e organizzazioni più attive e rappresentative nell’ambito in cui operate. La partecipazione ad un network regionale, nazionale o (perché no?) europeo può aprire la strada ad un grandissimo numero di opportunità.

Rimanete aggiornati, attivi e visibili nel vostro settore, attraverso i canali di informazione tradizionali, la partecipazione ad iniziative ed eventi, i social media e curando le relazioni con che vi è più vicino. Le opportunità arriveranno anche sui progetti europei!

Una seconda e più articolata risposta è, per motivi diversi, di nuovo la stessa: praticamente ovunque! I principali programmi europei dedicano ampio spazio alla presentazione dei progetti e delle partnership vincenti nell’ambito dei bandi già lanciati. Questi archivi forniscono informazioni preziose su possibili partner già attivi nel settore e con esperienza nella realizzazione di progetti europei. I titoli e le descrizioni dei progetti danno spunti per ulteriore approfondimento e permettono di capire quali soluzioni sono già state tentate e finanziate. Ad esempio:

Non si tratta di strumenti limitati ai programmi comunitari. Nella cooperazione territoriale se ne trovano di analoghi, dedicati alla ricerca di partner e di progetti di successo: qui un esempio, per citarne uno con portata molto generale.

Anche i progetti finanziati dai fondi strutturali a livello nazionale e regionale, per quanto distribuiti in modo capillare sul territorio, offrono uno strumento unico per tutta l’Italia (OpenCoesione) che permette di tener traccia dell’impiego dei fondi comunitari, degli interventi finanziati e delle organizzazioni che li hanno realizzati, attraverso un’ampia gamma di opzioni di ricerca.

Si tratta di alcuni esempi: siamo sicuri che ne conoscete molti altri! Segnalateceli ed aiutate nella loro ricerca i sempre più numerosi membri della nostra community!