Programma per i diritti, l’uguaglianza e la cittadinanza

Questo paragrafo è in fase di aggiornamento alla nuova programmazione comunitaria 2021-2027.

Nella sezione News e aggiornamenti puoi già trovare molti contenuti riferiti ai nuovi programmi comunitari.

Segui la sezione News e aggiornamenti!

Autorità competenti e riferimenti

Descrizione

Il programma per i dritti, l’uguaglianza e la cittadinanza tutela i diritti e le libertà riconosciute ai cittadini in virtù del diritto dell’UE. In particolare, interviene per rafforzare l’uguaglianza di genere, combattere tutte le forme di discriminazione e il razzismo. Il programma affronta la questione urgente della violenza contro le donne, i giovani e i bambini.

Come altri programmi del presente periodo di programmazione, il programma per i diritti, l’uguaglianza e la cittadinanza sostituisce e accorpa precedenti programmi quali:

  • Il programma per i diritti fondamentali e la cittadinanza;

  • Il programma Daphne III;

  • Il programma Progress, nelle componenti dedicate all’uguaglianza di genere e alla lotta alle discriminazioni.

L’implementazione del programma avviene attraverso tre procedure operative principali:

  • Le sovvenzioni di azione, ovvero i “classici” progetti per la realizzazione di azioni di durata limitata in specifici ambiti;

  • Le sovvenzioni di funzionamento, ovvero il sostegno finanziario all’esecuzione delle attività usuali e permanenti di organizzazioni attive in particolari ambiti;

  • Le gare d’appalto per l’assistenza tecnica e l’erogazione di servizi specifici, funzionali alla realizzazione del programma.

Le tipologie di azione finanziabili nei vari settori e i relativi criteri di aggiudicazione vengono dettagliati in un programma di lavoro annuale.

Gestione del programma 

Il programma è gestito dalla Direzione generale Giustizia della Commissione europea.

Soggetti ammissibili e partenariato

I finanziamenti del programma per i dritti, l’uguaglianza e la cittadinanza sono destinati alle ONG, alle autorità pubbliche e ad altre organizzazioni per attività che ne favoriscano gli obiettivi. Gli organismi e le entità a scopo di lucro hanno accesso al programma soltanto in associazione con organizzazioni senza scopo di lucro o pubbliche.

Al programma possono partecipare tutti gli Stati membri dell’UE, l’Islanda e il Liechtenstein.

A tutte le azioni finanziate è richiesto un partenariato e una tipologia d’intervento in grado di portare un significativo “valore aggiunto europeo”, ovvero un impatto apprezzabile in più paesi dell’Unione.

Tipologie di azione

Nell’ambito dei settori d’intervento menzionati, il programma per i diritti, l’uguaglianza e la cittadinanza finanzia i seguenti tipi di azioni:

Attività di analisi

  • raccolta di dati e statistiche;

  • elaborazione di metodologie, indicatori o criteri di riferimento comuni;

  • studi, ricerche, analisi e indagini;

  • valutazioni;

  •  elaborazione pubblicazione di guide, relazioni e materiale didattico;

  • convegni, seminari, riunioni di esperti e conferenze.

Attività di formazione

  • scambi di personale;

  • convegni, seminari, eventi di formazione per formatori;

  • sviluppo di moduli di formazione online o di altro tipo.

Attività di apprendimento reciproco, cooperazione, sensibilizzazione e divulgazione

  • individuazione e lo scambio di buone prassi, approcci ed esperienze innovativi;

  • organizzazione di valutazioni a pari livello e di apprendimento reciproco;
  • organizzazione di conferenze, seminari, campagne mediatiche;

  • campagne d’informazione;

  • raccolta e pubblicazione di materiali relativi al programma e ai suoi risultati;

  • sviluppo, gestione e aggiornamento di sistemi e strumenti ICT.

Sostegno ai principali attori:

  • sostegno alle ONG nell’attuazione di azioni che presentino un valore aggiunto europeo;

  • sostegno a importanti attori europei e a reti di livello europeo e servizi armonizzati a valenza sociale;

  • sostegno agli Stati membri nell’attuazione delle norme e delle politiche dell’Unione;

  • sostegno al lavoro di rete a livello europeo tra organi ed entità specializzati nonché tra autorità nazionali, regionali e locali e ONG, incluso il sostegno tramite sovvenzioni di azioni o sovvenzioni di funzionamento.

Ambiti d’intervento

Gli ambiti specifici d’intervento del programma per i diritti, l’uguaglianza e la cittadinanza sono i seguenti:

Componente “non-discriminazione e uguaglianza”
  • promuovere la non discriminazione (fondata sul sesso, la razza o l’origine etnica, la religione o le convinzioni personali, la disabilità, l’età o l’orientamento sessuale);

  • combattere il razzismo, la xenofobia, l’omofobia e altre forme d’intolleranza;

  • promuovere i diritti delle persone disabili;

  • favorire l’uguaglianza di genere e l’integrazione di genere;

Componente “protezione dei diritti e cittadinanza”
  • prevenire la violenza contro i bambini, i giovani, le donne e altri gruppi a rischio;

  • sostenere i diritti del bambino;

  • garantire la protezione dei dati personali nell’UE;

  • promuovere i diritti di cittadinanza dell’UE;

  • applicare i diritti dei consumatori.

Allocazione finanziaria

Documenti correlati